facebook pixel

Segreteria 02 8715 7007

Aiutiamo gli Operations Managers a Concepire e Realizzare Visioni Industriali Fondate sulla Cultura Lean Manufacturing

La Lean Production è fondata sul lavoro in Team.

Non formare i vostri capi al Team Building significa mettere a rischio il progetto Lean e frustrare l’azienda.

Quando i gruppi di lavoro Lean non producono idee di miglioramento e non applicano la filosofia Lean, non bisogna dare loro colpe che non hanno.

Spesso dopo una rapida formazione focalizzata solo sugli strumenti della Lean production, si chiede ai Lean manager, di essere subito, capaci di:

  • Motivare e ispirare i propri collaboratori.
  • Motivare e ispirare persone nuove.
  • Guidare un gruppo di lavoro alla realizzazione di risultati importanti.

Per realizzare la cultura della Lean Production, la sola Lean toolbox non è sufficiente!

Il processo di trasformazione Lean production, è riconosciuto essere come uno dei più difficili da realizzare, ma spesso si lasciano i Lean manager e i supervisors senza strumenti (se non quelli tecnici) per portare i membri dei team a realizzare i cambiamenti mentali profondi che la Lean richiede.

I team leader designati si trovano in balia delle diverse personalità dei membri di un gruppo di lavoro, dei punti di vista contrastanti e nel mezzo dei conflitti che naturalmente vengono a crearsi durante le attività.

È facile poi dire che sbagliano, che non sanno creare il gruppo, che non sanno comunicare che non sanno motivare etc.

Ma li abbiamo mai formati alle competenze di team building?

Quali sono le competenze di un Team Building che se non addestrate mettono a rischio qualsiasi progetto Lean?

La NON Conoscenza del ciclo di sviluppo dei Gruppi.

  • Fin dal 1959 la scienza della sociologia ha stabilito quali sono le fasi del “ciclo di sviluppo dei gruppi”; non conoscerle significa non sapere cosa fare per fare in modo che il gruppo possa arrivare al successo.
  • A livello manageriale conoscere le fasi del ciclo di sviluppo dei gruppi significa poter organizzare efficacemente il programma Lean e ridurne i costi.

Non saper ascoltare BLOCCA le idee di miglioramento.

  • Nella Lean production è di vitale importanza avere un flusso di nuove idee di miglioramento ma questo diventa impossibile quando il team leader non sa usare le tecniche d’ascolto per stimolare le nuove idee.
  • Un’azienda che non ascolta non può attingere alla miniera d’idee costituita dall’esperienza dei suoi collaboratori e sarà costretta ad acquistare il miglioramento e l’innovazione a caro prezzo all’esterno.

Non saper supportare il gruppo nei momenti difficili.

  • Quando i membri di un gruppo attraversano fasi di lavoro contrastanti possono facilmente sentirsi esclusi e scegliere di dissociarsi dal gruppo. Un bravo team leader sa leggere i segni premonitori e intervenire appropriatamente.
  • Il saper supportare fa si che il fallimento di un gruppo di lavoro sia difficile da accadere e questo permette di schedulare le attività Lean aumentando la frequenza delle stesse ottenendo così risultati in anticipo.

Giuste domande, ottimi risultati; cattive domande mediocri risultati.

  • Certe domande possono suscitare discussioni lunghe, inutili e noiose; altre stimolare il team e guidarlo verso realizzazioni impensabili. Se il team leader sa usare il potere delle domande l’efficacia del team migliora.
  • Quando i team sono impegnati in attività di problem solving guidati dalle giuste domande la qualità delle idee di miglioramento, si accentua apportando così notevoli risultati economici dal programma Lean.

Fare domande per cercare informazioni precise

  • Durante le attività dedicate al problem solving spesso le discussioni e le soluzioni dei partecipanti ad un gruppo di lavoro possono divergere molto dagli obiettivi originari e risultare sterili.
  • Un team leader addestrato a fare domande precise (secondo la tecnica del meta-modello) può  facilmente far continuamente focalizzare il gruppo sugli aspetti veramente importanti e portarlo a rispondere precisamente agli obiettivi di cantiere.

Fare domande per suscitare soluzioni innovative

  • In alcune situazioni i gruppi di lavoro sono confrontati a problemi dei quali fanno fatica a trovare soluzioni veramente performanti. Il rischio è che la montagna di idee prodotte produca solamente un’idea piccola come un topolino.
  • In queste situazioni un team leader capace, può utilizzare le tecniche di domande che si generano col modello di Milton. Conoscere come formulare queste domande significa poter far produrre più facilmente al gruppo  idee innovative.

L’arte di gestire i conflitti

  • Durante il ciclo di sviluppo di un gruppo è normale che si producano dei conflitti tra i membri, un vero team leader deve sapere individuare in anticipo i segni che portano a un conflitto e conoscere le leve per disinnescare il pericolo d’esplosione del gruppo.
  • I conflitti non gestiti nei gruppi di lavoro portano al fallimento qualsiasi implementazione della Lean production, i costi e la frustrazione dell’azienda possono essere distruttivi per la stessa.

Non capire il CARATTERE dei membri del gruppo.

  • In ogni gruppo di lavoro ci sono partecipanti che hanno caratteri diversi con storie ed esperienze diverse. È di fondamentale importanza che il team leader si accorga delle differenze di ciascuno e che le sappia mettere in valore. 
  • Quando l’azienda riesce a far lavorare insieme diversi caratteri personali riesce a massimizzare la sua performance operativa ed economica.

Non saper creare la MOTIVAZIONE nei membri del gruppo

  • Come si crea la motivazione nelle persone? Alcuni team leader sanno creare motivazione istintivamente anche senza sapere come lo stanno facendo, altri non dotati naturalmente, arrancano e alla fine demotivano senza volerlo il gruppo.
  • Quando i partecipanti al processo Lean sono motivati il livello di assenteismo si abbassa il numero di azioni di miglioramento create aumenta a dismisura e il sostegno alla politica aziendale è assicurato.

Senza il lavoro in Team non è possibile realizzare la cultura della Lean Production.

La scelta di formare i Lean manager e i capi al ruolo di team leader è una scelta tecnicamente obbligata.

Purtroppo i normali programmi di consulenza Lean, non prevedono moduli di formazione alle metodologie di team building e questo è una delle più importanti ragioni del loro alto tasso di fallimento.

Per venire incontro a questa mancanza l’equipe di Kaizen Coach ha sviluppato una formazione speciale

Formazione:

Il Team Building per la Lean Production

Modelli e strumenti per il successo nella gestione dei gruppi di lavoro

In 2 sessioni separate di 2 giorni ciascuna i vostri Lean manager, capi e team leader impareranno le più avanzate metodologie per creare, gestire e motivare i gruppi di lavoro Lean.

Programma della formazione

Giorno 1

Obiettivi della formazione
Valutazione del vostro livello di competenza

Gli strumenti della comunicazione
I presupposti della PNL e della Neurosemantica

L'ascolto:

  • L'arte di essere presenti all’altra persona
  • Competenze di percezione sensoriale
  • Gli accessi oculari e le domande per l’accesso.
  • Esercizi di calibrazione
  • L’ascolto e le rappresentazioni
  • Cercare di ascoltare il film
  • Ascoltare le rappresentazioni nei discorsi
  • Valutazione dell’ascolto

Il supporto:

  • Il concetto di sincronizzazione
  • La sincronizzazione fisiologica
  • La sincronizzazione verbale
  • Meta-sincronizzazione concettuale
  • Flessibilità di percezione
  • La valutazione del supporto

Esercizi sul Gemba
Esercizi e Valutazione delle capacità di ascolto e sincronizzazione

Giorno 2

La buona formulazione degli obiettivi

  • Il modello SCORE

Gli stati emotivi
Gli stati neuro-linguistici

  • Gestione degli stati emotivi-le basi
  • Competenze di elicitazione degli stati
  • Accedere agli stati e ancorarli
  • L’ancoraggio
  • Valutazione dell’induzione di stati

Tecniche:

  • Sfere di eccellenza
  • Lo Swish
  • Doppia dissociazione

Esercizi sul Gemba
Esercizi e Valutazione degli obiettivi Lean

Giorno 3

L’arte di fare le domande

  • Le domande per ottenere informazioni precise.
  • Introduzione al Meta-modello
  • Le domande che ispirano soluzioni
  • I meta livelli del linguaggio
  • Le categorie del Meta-modello
  • Domande e loro effetto

Esercizi sul Gemba
Valutazione sulla capacità di porre domande

Giorno 4

Saper individuare gli schemi mentali

  • Individuare gli schemi mentali
  • Definizione di Meta-Programmi
  • Il modello dei Meta-Programmi
  • Individuari i Meta-Programmi
  • La padronanza dei Meta-Programmi

Tecniche:

  • Cambiare i Meta-Programmi

Esercizi sul Gemba

  • Individuazione dei Meta-Programmi
  • Cambiare i Meta-Programmi

Trasformare i vostri Lean manager e capi in team leader efficaci è:

  • Il mezzo migliore per tagliare i tempi d’adozione della lean del 50%.
  • Lo strumento per avere dal gruppo le soluzioni che permettono di fare miglioramenti in doppia cifra percentuale.
  • Lo strumento per rendere veramente continuo nel tempo il miglioramento.

Per spiegare al meglio i contenuti e i vantaggi di questa formazione esclusiva abbiamo sviluppato una presentazione in power point che potrete visionare presso la vostra azienda.

Per richiedere oggi la presentazione, potete riempire il formulario qui’ sotto.

Dati dell'azienda
Responsabile della domanda d'informazioni
{dichiaro-di-aver-preso-visione-e-di-dare-il-consenso-al-trattamento-dei-dati-personali-11}

team building pdf

Consulenti Lean, Kaizen Coach, Lean Coach, Lean Manufacturing, Consulenti produzione-Italy-Italia-Mario Mason

Mario Mason è un
Kaizen Coach di livello internazionale con + di 10 anni di esperienza nell'aiutare i manager ad ottenere miglioramenti in doppia cifra nella riduzione dei costi della Supply Chain.


La sua attività di esperto di Coaching della Lean Production si svolge presso il Gemba di aziende operanti nei più svariati settori merceologici.


Alcune metodologie nelle quali è esperto: Six Sigma, Just In Time, TPM, 5S, SMED, Miglioramento OEE, Introduzione Kanban, Value Stream Mapping, Hoshin Kanri, organizzazione Supply Chain, World Class Manufacturing, standard di Controllo Qualità, Manutenzione Autonoma, Manutenzione Programmata.


Mario Mason è un Coach certificato della scuola internazionale di Meta-Coaching.

Altre certificazioni:

•Trainer PNL
•Trainer Neurosemantica
•Leadership Trainer

Qui’ sotto alcune aziende con le quali ha collaborato

saint-louis

roquette

valsir

henkel

aprilia

electrolux

dainese

logo raffmetal

FONDITAL

kraft2012

delonghi-logo

climaveneta

0
Condivisioni